Barbara Demick

I mangiatori di Buddha

I mangiatori di Buddha

Barbara Demick

I mangiatori di Buddha

Traduzione di: Katia Bagnoli
Prima edizione: 18 settembre 2024

Pagine: 356
Prezzo di copertina: € 19,50

Salutato dal New York Times come un capolavoro di giornalismo narrativo, I mangiatori di Buddha è un ritratto mozzafiato del Tibet moderno, raccontato attraverso le vite di chi è fuggito, di chi ha deciso di restare, di chi combatte per la libertà.

Nel 2014, durante uno scalo a Lhasa, Barbara Demick viene perquisita e poi trattenuta dalle autorità cinesi. Qualcosa, nel suo bagaglio, non può entrare in Tibet: la guida del Nepal, dove, in una fotografia sgranata in bianco e nero, compare il Dalai Lama. Presto Demick viene liberata, ma nasce da questo episodio il suo interesse per uno dei paesi più impenetrabili del mondo, e in particolare per la città di Ngaba, 3.500 metri sul livello del mare. È qui che l’Armata rossa si è scontrata per la prima volta con l’aristocrazia tibetana nel 1935: i soldati cinesi, mortalmente affamati, sfondarono le porte dei monasteri per saccheggiare le statuette religiose, fatte di farina e burro, con le fattezze di Buddha. Ed è qui che l’onta di quel primo sacrilegio ancora oggi spinge decine di giovani combattenti a immolarsi per la libertà. Raccontato attraverso le vite di un impressionante cast di personaggi – una principessa tibetana la cui famiglia è stata sterminata durante la Rivoluzione culturale, un guerrigliero che trova rifugio nel monastero di Kirti, un poeta disposto a rischiare la vita per le proprie idee, e molti altri – I mangiatori di Buddha è un reportage rivoluzionario sul Tibet di oggi che svela le molte contraddizioni di un paese dove cercare di salvaguardare la propria fede e la propria cultura significa opporsi a un’inarrestabile superpotenza orwelliana, disposta a tutto pur di soffocare ogni forma di dissenso.

Paese: Usa

Titolo originale: Eat the Buddha
Collana: I Corvi
Numero di collana: 7 (I Corvi)
ISBN: 9788870917772
Altri titoli della collana I Corvi

Vuoi restare aggiornato sui progetti di Iperborea?