Titoli

La pianista e i lupi



La pianista e i lupi

Indomabile, libero, feroce, selvaggio, il lupo, anche se nella realtà non più pericoloso di altre belve, è nell’immaginario collettivo uno degli animali più inquietanti ed evocativi. Sfruttando tutta la gamma delle sue contraddittorie rappresentazioni, la Haasse ne fa il centro narrativo del romanzo, creando una serie di risonanze simboliche intorno a una storia di famiglia piena di enigmi irrisolti e intricati rapporti affettivi. E’ Breidablick, la solitaria villa dei Waldschade nelle foreste delle Ardenne, il cuore dell’azione. Rifugio del padre Erik, studioso di miti nordici fuggito dalla Germania nazista, è qui che la nota pianista Edith Waldschade alleva lupi nel parco e la sorella Gerda sfoga la sua vocazione misticheggiante organizzando raduni di neopagani, ed è qui che arriva, per raccogliere materiale per un’enciclopedia sul Canis Lupus, Matthias Crone, giovane aspirante giornalista. Ma è con l’apparizione di Erwin, che si dichiara ignorato fratellastro, che a Breidablick si accumulano tensione e misteri. Chi è e cosa vuole quell’ospite subdolo e furtivo che cerca di minare in Edith la memoria del padre con l’accusa di un passato sospetto e di equivoche teorie? Che cosa sa di Jon, il violinista ebreo compagno di vita e di musica della pianista, scomparso in Israele? Cos’è realmente accaduto nella notte del raduno di Gerda, su cui corrono voci allarmanti? Con un crescere di interrogativi, la Haasse riesce ad affrontare temi quali miti nordici e nazismo, fondamentalismo e identità, immigrazioni e razzismo, neopaganesimo e misticismo, musica e giornalismo, senza mai perdere suspense e moltiplicando le possibili interpretazioni. La realtà resta ambigua, la verità una ricerca più che una certezza, con la consapevolezza che, come il mitico Fenrir rappresentato nel grande quadro nell’atrio di Breidablick, il mostruoso lupo nero che assale a fauci spalancate il sole al tramonto, le forze oscure sono in perenne agguato nella storia come nell’animo umano.

Titolo originale: Fenrir
Prima edizione: Aprile 2003
pp. 192
Nazione: Olanda
Traduzione di: L. Figurelli
Postfazione di: F. Paris
Collana: Narrativa
Numero di collana: 111
ISBN: 9788870911114
Prezzo di copertina: € 11,50
Contenuti extra
pdf  Scarica l'incipit in Pdf
pdf  Scarica la postfazione in Pdf

Acquista:
LIBRO

Collana Luci

Prossime uscite

Eventi

Corsi di lingua

Con i corsi di lingue Iperborea continua la sua missione di avvicinamento e scambio tra la cultura scandinava e il nostro paese, iniziata nel 1987 con la ricerca, la traduzione e la pubblicazione delle maggiori opere letterarie classiche e contemporanee del Nord Europa in Italia. Dal 2011 infatti, inizialmente da sola e poi in collaborazione con l’Istituto Culturale Nordico di Anna Brännström, organizza a Milano corsi di lingue nordiche a vari livelli, per singoli e gruppi di tutte le età e per aziende, avvalendosi della collaborazione di insegnanti di lingua professionisti.

I corsi

I più venduti