News

Speciale

È morto venerdì 4 settembre lo scrittore svedese Carl-Henning Wijkmark (1934-2020)

Data | Lunedì 07 Settembre
Orario | 16:43

Venerdì 4 settembre 2020 è morto a 85 anni Carl-Henning Wijkmark, nato a Stoccolma nel 1934, autore impegnato e cosmopolita, fra gli intellettuali svedesi più noti, tradotto in tutto il mondo.

È vissuto in Francia, Germania e Spagna come giornalista di cultura e traduttore, prima di debuttare nel 1972 come romanziere, aggiudicandosi il Premio dell’Accademia di Svezia. È con «Dressinen» (Il carrello) del 1983, e «Sista dagar» (Ultimi giorni) del 1986, che ha raggiunto la fama internazionale.

Europeo nel senso più completo del termine, pronto a intervenire nei dibattiti pubblici in difesa dei valori dell’umanesimo e della tolleranza, ha ambientato i suoi romanzi in luoghi cruciali, come la Germania nazista o la Francia della guerra d’Algeria, per interrogarsi sui grandi problemi quali il bene e il male, l’evoluzione, il potere, la cultura e la barbarie nella civiltà occidentale.

Iperborea ha pubblicato due titoli particolarmente rappresentativi dei suoi temi fondamentali: «Tu che non ci sei» (2000, traduzione e postfazione di Carmen Giorgetti Cima) e «La morte moderna» (2008, traduzione di Carmen Giorgetti Cima e postfazione di Claudio Magris), operetta morale provocatoria e corrosiva, pubblicata per la prima volta nel 1978.

Dopo la scomparsa di P.O. Enquist in primavera, si spegne con Wijkmark un’altra delle voci più rappresentative di quella formidabile generazione di grandi scrittori europei che ci ha dato la Svezia degli ultimi decenni.

Prossime uscite

The Passenger

Collana I Miniborei

Collana Mumin

Collana Luci

Eventi

I più venduti