Titoli

Un vagabondo suona in sordina



Un vagabondo suona in sordina

“Io non ho omicidi da raccontare, ma gioie e sofferenze e amori. E l’amore è violento e pericoloso quanto un omicidio.” È così, detto tra sé senza darvi peso, tra “le parole serene” con cui descrive l’incanto dei boschi d’estate, il mormorio dell’aria e il limpido disegno della melodia di un tordo, che Knut Pedersen lascia balenare fin dal prologo il cuore del dramma di cui sarà l’inaffidabile testimone e narratore. È ancora il vagabondo di Sotto la stella d’autunno che Hamsun mette a protagonista di questo romanzo – “i suoi due libri più belli e più tersi”, li definisce Claudio Magris – l’irrequieto alterego cui dà perfino il proprio nome, moderno epigono del romantico perdigiorno che ha smarrito la svagata spensieratezza di un’anarchica e libera autoemarginazione, per incarnare la nevrotica lacerazione tra l’io e quella vita che, nel suo rifiuto di ogni senso e legame, perennemente gli sfugge. Questa volta è verso il passato che lo portano i suoi passi, a Øvrebø, alla casa dei Falkenberg, dove sei anni prima si era innamorato della signora, la bella e inquieta Lovise, nella speranza che l’emozione risvegli i battiti del suo cuore restituendogli l’illusione di vivere. Ma, nonostante i suoi mascherati tentativi di partecipare, resta solo spettatore del drammatico gioco degli amori e delle gelosie, delle ripicche e vendette, dell’ebbrezza del fatale abbandonarsi alla passione di cui sono protagonisti e vittime il capitano e la moglie e i loro sregolati ospiti nel disordine dilagante del podere. “Un vagabondo suona in sordina quando raggiunge il mezzo secolo di vita”: camuffato nella sua barba grigia, indossati i panni della vecchiaia, può attutire rumori e furori e riprendere con affettata indifferenza il suo cammino, sapendo che “l’età non porta nessuna maturità, l’età porta solo la vecchiaia”. È sempre troppo presto o troppo tardi per cogliere le bacche dell’autunno, il silenzio torna nella valle quando si spegne l’eco della valanga, resta il caparbio abbandono al mormorio dei boschi, alle sensazioni dell’attimo e, come dice Magris, “la fragilità di una conoscenza della vita che serve così poco a vivere”.

Titolo originale: en vandrer spiller med sordin
Prima edizione: Gennaio 2005
pp. 216
Nazione: Norvegia
Traduzione di: Fulvio Ferrari
Postfazione di: Fulvio Ferrari
Collana: Narrativa
Numero di collana: 141
ISBN: 9788870911411
Prezzo di copertina: € 13,00
Contenuti extra
pdf  Scarica l'incipit in Pdf
pdf  Scarica la postfazione in Pdf

Acquista:
LIBRO

Collana I Miniborei

Collana Luci

Prossime uscite

Eventi

Corsi di lingua

Con i corsi di lingue Iperborea continua la sua missione di avvicinamento e scambio tra la cultura scandinava e il nostro paese, iniziata nel 1987 con la ricerca, la traduzione e la pubblicazione delle maggiori opere letterarie classiche e contemporanee del Nord Europa in Italia. Dal 2011 infatti, inizialmente da sola e poi in collaborazione con l’Istituto Culturale Nordico di Anna Brännström, organizza a Milano corsi di lingue nordiche a vari livelli, per singoli e gruppi di tutte le età e per aziende, avvalendosi della collaborazione di insegnanti di lingua professionisti.

I corsi

I più venduti