News

Approfondimento

Ogni ondata di terrore si esaurisce. Una lezione di quarant’anni fa

Data | Mercoledì 28 Marzo
Orario | 15:05

Questo articolo di Frank Westerman è apparso su Il Fatto Quotidiano di sabato 24 marzo in occasione di BookPride 2018. Traduzione di Antonio De Sortis

Ogni terrore giunge al termine. Quarant’anni fa i tre componenti del “Commando Suicida RMS” eseguivano la più atroce fra tutte le azioni terroristiche a opera dei molucchesi: il sequestro nel palazzo della Provincia di Assen. Risultò essere l’ultima di una lunga serie. Ciò che l’Olanda ha fatto di buono a partire dal 1978, può accelerare oggi la fine dell’ondata di terrore jihadista.

Il 21 Novembre 2015 a Bruxelles vennero chiuse le scuole. Era in corso una caccia all’uomo ai danni di Salah Abdeslam, la cui cintura esplosiva non era scattata negli attentati di Parigi della settimana prima, e che venne arrestato soltanto il 18 marzo 2016 a Molenbeek. Oggi sotto processo, all’udienza di febbraio si è rifiutato di alzarsi in piedi davanti ai giudici. “Condannatemi pure. Non ho paura di voi”, ha detto. “Confido in Allah.” In un comunicato online, l’Isis lo ha prontamente elogiato come “un fratello”.
Quarant’anni fa, il 14 marzo 1978, ad Assen, anche mia madre venne a prendermi a scuola in anticipo. Il giorno prima il diciannovenne molucchese Dicky Helaha aveva fatto irruzione insieme a due compagni nel palazzo della Provincia, sparando all’impazzata. Sarebbe stata una “azione dura”, si erano giurati in precedenza, e “qualcuno doveva morire già all’inizio”. L’urbanista Ko de Groot, uno dei 75 ostaggi, venne scelto nel mazzo. “Ehi, tu! Con gli occhiali!” Lo costrinsero a salire in piedi sul davanzale della finestra aperta e con una dozzina di colpi alla schiena lo buttarono di sotto.
Questo sequestro avvenne verso la fine degli “anni di piombo”. Quella che va dall’autunno del 1977 alla primavera del ’78 è forse la stagione terroristica più aspra che abbia mai colpito l’Europa. Allo stesso tempo si rivela un punto di svolta.
C’è una fine per ogni terrore. I criminologi distinguono quattro generazioni di terroristi, a partire dai nichilisti russi del XIX secolo. Seguono intorno al 1950 i guerriglieri alla Che Guevara in lotta contro i regimi coloniali. La terza generazione è un frutto europeo: babyboomers senza dio organizzati in cellule marxiste come la RAF e le Brigate Rosse. I loro eredi formano la quarta generazione: i gruppi terroristici di ispirazione islamica come Al Quaeda, l’Isis e Boko Haram.
Se gli odierni attentati dei seguaci dell’Isis abbiano ormai raggiunto il loro picco massimo, non è ancora dato saperlo. È il problema dei guai quando li vivi dall’interno: non sai mai se il peggio deve ancora venire.
Nell’autunno del ’77 sembra non esserci mai fine al peggio. Il 5 settembre viene rapito Hanns-Martin Schleyer, dirigente della Daimler-Benz. In solidarietà con la RAF il “martire Mahmud” e altri tre combattenti palestinesi dirottano il volo Lufthansa 181. Dopo cinque giorni di peregrinazioni lungo le coste del Mediterraneo, all’aeroporto di Mogadiscio l’apparecchio è preso d’assalto dalle unità speciali tedesche, che uccidono i sequestratori e liberano gli ostaggi. Lo scontro fra terrore e antiterrorismo raggiunge un climax: i corpi di Andreas Baader, Gudrun Ensslin e Jan-Carl Raspe, i leader della RAF, vengono trovati senza vita nella loro cella. Suicidio, dicono le autorità. Il cadavere di Hanns-Martin Schleyer viene rinvenuto nel bagagliaio di un’Audi 100, con tre proiettili nella nuca.
Nel frattempo, ad Assen, Dicky Helaha lascia la scuola e prepara con i compagni il suo attentato, l’ultimo e il più feroce di una lunga serie di azioni armate contro l’ex potenza coloniale olandese, indifferente alla causa dei rifugiati molucchesi. La loro lettera per la stampa sarà firmata: “il Commando Suicida Molucchese RMS”. Al palazzo della Provincia Dicky porta con sé un mantello nero: il sudario in cui vuole morire uccidendo. Sta per dare il via all’esecuzione degli ostaggi quando parte il blitz delle forze speciali. I rapitori sono sconfitti, ma Dicky spara un’ultima volta e colpisce a morte il deputato cristiano-democratico Jakob Trip. Davanti al giudice, Dicky (condannato a 14 anni e mezzo di carcere, morto nel 2007) si rammarica di non essere stato ucciso. Sarebbe voluto diventare un martire, proprio come Salah Abdeslam. Nella profonda diversità delle loro vicende, esiste più di un parallelo tra i due. Né l’uno né l’altro sono pionieri o paladini di qualcosa. Entrambi sono seguaci di una causa e non si arrendono, appartengono agli ultimi dei mohicani.
Nel caso di Dicky Helaha, la sua azione fu il canto del cigno della lotta armata molucchese in Olanda. Il Dutch Approach tanto decantato nel mondo – l’impiego di psichiatri-negoziatori al posto dei marines – aveva fallito dove il ricorso alla violenza era riuscito. Eppure a quei fatti non seguì una roboante dichiarazione di guerra al terrorismo. L’autorità non si irrigidì, al contrario: in una nota del governo si riconobbe alla comunità molucchese d’Olanda “il diritto a una propria identità”. Ed è qui che avvenne la svolta. Il nuovo ministro dell’Istruzione aprì la strada a un’educazione “bi-culturale”: da allora in avanti ai bambini molucchesi le lezioni furono impartite in malese (storia e geografia) e in olandese (educazione civica e le altre materie). Arrivarono libri di testo profondamente ripensati sulla storia coloniale, un “Centro di sostegno per l’educazione dei molucchesi”, un piano di assunzioni per molucchesi disoccupati, un servizio di assistenza per molucchesi tossicodipendenti, un centro di segnalazione per le discriminazioni. Tutto questo si potrebbe definire il Dutch Approach 2.0, e funzionò. Dopo il 1978 la lotta per una Ambon libera fu portata avanti con altri mezzi: pacificamente.
Le lezioni di quarant’anni fa rimangono più attuali che mai. Lo scorso anno a Bruxelles incontrai un’insegnante di educazione civica che vive e lavora nel quartiere di Molenbeek e che nel novembre 2015 era rimasta rinchiusa insieme alla sua classe mista nell’edificio barricato della scuola. Da allora discute con i suoi alunni dell’inasprimento della situazione, ma anche della stigmatizzazione e della percezione che si ha di Molenbeek in particolare. “Sono i ragazzi a proporre gli i temi da affrontare.” Ascoltarsi a vicenda, è questo secondo lei l’unico modo per venire a capo della situazione. Mi ricordò una dichiarazione dello psichiatra Henk Havinga, che fece da negoziatore all’epoca dei sequestri molucchesi. “Al governo regnava l’idea che gli psichiatri sapessero parlare. Un enorme malinteso. Il nostro lavoro è: ascoltare.”
Havinga capì subito che con il commando suicida di Dicky Helaha non c’era modo di dialogare. L’intervento armato fu necessario. Ma per la de-radicalizzazione occorrono altri mezzi: per esempio un orecchio attento alle rivendicazioni velate e a volte legittime con cui i giovani fanatici “si pompano” per fare di sé delle bombe ambulanti.
Chiudere le scuole è l’ultima cosa da fare; le scuole servono aperte – e i docenti non sono mai aperti abbastanza nei confronti degli alunni che rischiano di rimanere “imprigionati nella loro coscienza”, come lo storico Johan Huizinga descrisse “il terrorista” già nel 1938.
Tutte le ondate terroristiche hanno finito per dissolversi. Questo processo ha bisogno di essere accelerato. E la retorica dello scontro, la convinzione di poter vincere con la violenza, ad esempio perché il califfato dell’Isis sembra pressoché sconfitto in Siria e Iraq, non possono che sollevare altre frustrazioni e sortire l’effetto contrario.

Collana I Miniborei

Collana Mumin

Prossime uscite

Collana Luci

Eventi

Corsi di lingua

Con i corsi di lingue Iperborea continua la sua missione di avvicinamento e scambio tra la cultura scandinava e il nostro paese, iniziata nel 1987 con la ricerca, la traduzione e la pubblicazione delle maggiori opere letterarie classiche e contemporanee del Nord Europa in Italia. Dal 2011 infatti, inizialmente da sola e poi in collaborazione con l’Istituto Culturale Nordico di Anna Brännström, organizza a Milano corsi di lingue nordiche a vari livelli, per singoli e gruppi di tutte le età e per aziende, avvalendosi della collaborazione di insegnanti di lingua professionisti.

I corsi

I più venduti